Notizie

ANCHE IL FUTURO DEL SUD NON PUO’ PRESCINDERE DAGLI INTERVENTI PER LA SALVAGUARDIA IDROGEOLOGICA


IL PRESIDENTE DELL'ANBI FRANCESCO VINCENZI SI RIVOLGE AL MINISTRO DELLE  INFRASTRUTTURE

“Nel momento, in cui il Governo avrà definito la governance delle politiche di coesione territoriale, ci rivolgiamo al Ministro delle Infrastrutture, Graziano Delrio,  ribadendo la piena disponibilità dei Consorzi di bonifica ad operare nella logica di  quella cultura del fare, che gli appartiene e che ci appartiene e che oggi deve essere rivolta soprattutto alle regioni del Sud.”

A ricordarlo è Francesco Vincenzi, Presidente dell’Associazione Nazionale Consorzi Gestione Tutela Territorio ed Acque Irrigue, che prosegue:

Il nostro Piano per la Riduzione del Rischio Idrogeologico prevede, per le regioni meridionali ed insulari, 605 interventi pari a 2.145 milioni di euro, finanziabili con mutui quindicennali e  capaci di attivare almeno 15.000  posti di lavoro. I progetti sono immediatamente cantierabili: una risposta concreta di cui l’economia, l’occupazione, il territorio di questo Paese ha bisogno. Non può esserci sviluppo senza sicurezza dalle alluvioni e dalle frane, che tanto dolore hanno lasciato al Sud come oggi nel Veneto, cui va la nostra umana vicinanza di fronte a cambiamenti climatici sempre più violenti.  Laddove rispondono ai principi di autogoverno e sussidiarietà e non a quelli della più deteriore interpretazione della politica, rappresentata spesso da commissariamenti senza fine,  i Consorzi di bonifica si confermano efficienti e capaci di dare risposte concrete alle esigenze del territorio.”