Notizie

Gli Amici di Concordia incontrano il Consorzio di Bonifica Veneto Orientale


Serata conviviale per parlare di bonifica.

Interessante serata, nel solstizio d’Estate, di storia delle Bonifiche Idrauliche e delle grandi trasformazioni del Paesaggio dell’Agro Concordiese all’Hostaria da Fanio di Concordia Sagittaria.

Infatti, nel corso della riunione conviviale del circolo culturale “Amici di Concordia”, il presidente Dott. Giangiacomo Stefanon e l’”Amico” Ceresatto hanno invitato il Dott. Giorgio Piazza e l’ing. Sergio Grego, rispettivamente Presidente e Direttore Generale del Consorzio di Bonifica Veneto Orientale, a parlare della storia e del attualità dell’ Ente nel territorio di Concordia Sagittaria, comune il cui territorio dipende al 100% dai canali e dagli impianti idrovori per il deflusso delle acque piovane e perciò indissolubilmente legato alla bonifica, tanto da avere un monumento dedicato alla figura dello scarriolante, denominato amichevolmente “Toni de l’Aga”.

Dopo l’introduzione storica delle opere di regimazione idraulica di lunga data, i rappresentanti del Consorzio hanno fatto il punto sullo stato dei lavori di adeguamento funzionale delle opere idrauliche a servizio delle aree urbane dei bacini Bandoquerelle – Palu’ Grande, alla presenza anche di alcuni esponenti delle Istituzioni, fra cui il Sindaco della città.

L’intervento in esecuzione, progettato per dare risposta alle annose problematiche idrauliche che affliggono quella parte dell’abitato di Concordia che si è sviluppato verso le aree più depresse, è articolato in due lotti, di 1,5 milioni di Euro ciascuno, completamente finanziati dalla Regione del Veneto, di cui il primo, in corso di esecuzione e completato per circa il 50%, riguarda il potenziamento dell’impianto idrovoro Palù Grande, mentre con il secondo, si provvederà alla realizzazione di un nuovo canale deviatore e al risezionamento del canale Fosson per adeguarlo alle nuove portate. Si conta di completare le opere di primo stralcio entro l’autunno e di completare tutto l’intervento entro la primavera del 2017.