Notizie

Salvaguardia idraulica a Concordia Sagittaria e S. Michele al Tagliamento


Al via le gare d'appalto per due nuovi interventi.

A breve prenderanno avvio le procedure di gara per la realizzazione del secondo lotto dei lavori di adeguamento funzionale delle opere idrauliche a servizio delle aree urbane dei bacini Bandoquerelle-Palu’ Grande in comune di Concordia Sagittaria, intervento progettato dal Consorzio di Bonifica Veneto Orientale per dare risposta ai gravi e annosi problemi idraulici che affliggono le zone più basse dell’abitato di Concordia Sagittaria.

I lavori, dell’importo complessivo di € 1.500.000, consistono nella realizzazione di un nuovo canale deviatore posto a sud del centro urbano di Concordia e nel risezionamento del canale Fosson, facendo così in modo di intercettare dal canale consorziale “delle Basse” le portate di piena provenienti dall’area urbana convogliandole quindi lungo il canale Fosson e recapitandole nel Lemene tramite l’impianto idrovoro Palù Grande, il cui potenziamento è stato oggetto del primo lotto dell’intervento, anch’esso dell’importo di € 1.500.000 e ormai giunto alle fasi finali della realizzazione.

I lavori prenderanno avvio esaurite le procedure per l’appalto e perfezionate le pratiche espropriative conseguenti alla realizzazione del nuovo canale e al risezionamento del Fosson, presumibilmente entro la fine dell’anno.

Sempre in materia di salvaguardia idraulica, un altro importante intervento che sta per iniziare è quello relativo al primo stralcio del Miglioramento della funzionalità idraulica dei bacini consorziali tra i fiumi Taglio e Tagliamento in comune di San Michele al Tagliamento “Dorsale Verde”, che consiste nel potenziamento dell’impianto idrovoro I Bacino, per un importo di € 1.250.000.

Il progetto rientra in un più ampio studio avente la finalità di migliorare la gestione e lo scarico delle acque nel territorio comunale di San Michele al Tagliamento, così da contrastare e limitare le criticità che attualmente si manifestano a seguito dei sempre più frequenti eventi meteorici di eccezionale intensità e che determinano difficoltà di deflusso dei principali collettori a scolo naturale come i canali Terreni Medi, Fanotti, S. Filippo e Roggia Canalotto.

Successivamente al potenziamento dell’impianto idrovoro, per conseguire le finalità sopra indicate, si prevede di realizzare una serie di collegamenti e adeguamenti dei canali esistenti lungo una dorsale centrale che interessa le aree maggiormente depresse e verso cui convergono le acque per ulteriori € 850.000.